fbpx

Fissa un appuntamento

L'Aquila colloqui in presenza e on line tramite Skype. Possibilità di colloqui a seduta singola.

Chiamami:
+39 328 28 38 399

Scrivimi una email:
didonato.francesca@live.it

13.Tanti modi di essere genitore. Paola Pellegrino

4 settimane ago · · 0 comments

13.Tanti modi di essere genitore. Paola Pellegrino

Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.
Psicoeducazione e supporto alla genitorialità.


Nuova Rubrica a cura di Anderlini Sara, Pellegrino Paola, Virgilio Noemi, per Scuola di Psicologia di Francesca Di Donato.
Per seguirle sui canali social vai qui 1.Rubrica “Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.” Psicoeducazione e supporto alla genitorialità – Scuola di Psicologia

 Tanti modi di essere genitore di Paola Pellegrino

Uno degli aspetti più complessi della genitorialità riguarda la necessità di sviluppare e saper ridefinire la duplice capacità di fornire ai figli affetto e contenimento da un lato e una guida stabile, adulta e concreta dall’altro, nella conoscenza della realtà esterna e delle regole anche sociali con cui è necessario che imparino a relazionarsi.

Si tratta di un equilibrio sottile che implica la necessità di dare loro spazio e fiducia, possibilità di esprimersi ed esperire la vita liberamente, dando però loro anche la possibilità di confrontarsi con la dimensione del “limite” per accedere poi allo sviluppo delle competenze personali nonchè di autoregolazione emotiva fondamentale in tutta l’esistenza.

Questa abilità non è data una volta per tutte ma ha bisogno di essere modulata nel tempo in maniera flessibile e adeguata alle esigenze sempre diverse dei figli, sulla base dei loro bisogni e anche della loro specifica età o fase di vita.

Ogni coppia genitoriale darà origine al suo specifico stile genitoriale, condizionato dalle precedenti esperienze da figlio per ognuno, dalla sua specifica situazione di vita e crescita personale, dalle diverse situazioni che possono caratterizzare ogni momento della relazione.

In generale però diverse ricerche nel tempo si sono dedicate allo studio e alla definizione degli stili educativi genitoriali che possono delinearsi come modalità tipiche e prevalenti di risposta alle richieste di accudimento e crescita dei bambini.

Possiamo distinguere tra 4 stili genitoriali tenendo presente però che generalmente non viene utilizzato costantemente e in maniera rigida uno stile unico, bensì si ricorre ad una combinazione di modalità e sfumature diverse tra i diversi stili sebbene poi uno stile possa essere identificato come quello prevalente.

Essi possono essere:

  • GENITORIALITÀ AUTORITARIA (“fai come dico io o sono guai”): è uno stile caratterizzato da restrizioni e spesso ricorrendo anche alle punizioni, considera l’obbedienza dei figlio uno dei valori più importanti da conservare. I limiti sono fermi e orientati spesso al controllo, la loro definizione non prevede scambio tra le parti: il bambino si ritrova così a rispettare i limiti imposti perché mosso dalla paura di essere punito ma non ne interiorizza l’utilità.
  • GENITORIALITÀ AUTOREVOLE (“Sai che sarebbe stato meglio non farlo, vediamo come fare per trovare una soluzione insieme”) : è caratterizzato da un atteggiamento flessibile e orientato a promuovere la libera espressione e l’autonomia del bambino fornendo supporto e risposte adeguate ai suoi bisogni e al contempo limiti chiari senza esercitare controllo coercitivo sul suo comportamento. Vi è grande attenzione agli stati emotivi del bambino e alla relazione che generalmente è caratterizzata da ricchi scambi verbali, nutrimento affettivo e ascolto reciproco.
  • GENITORIALITÀ INDULGENTE o PERMISSIVA: è caratterizzato solitamente da un atteggiamento non punitivo, che sfocia spesso però nell’accettazione di ogni richiesta a discapito dell’importanza di permettere al bambino di poter vivere l’esperienza del limite e un modello di guida sicuro a cui poter far riferimento nonché della conseguente capacità di autoregolazione e contenimento.
  • GENITORIALITÀ NEGLIGENTE (o TRASCURANTE): in questo stile il genitore non assicura presenza e attenzione nella relazione col bambino e spesso si occupa solo della soddisfazione dei suoi bisogni primari. Può esserci scarsa reattività e indifferenza nei confronti dei bisogno del figlio, non riuscendo quindi a garantire sicurezza e accettazione.

 

Conoscere e poter essere consapevoli dello stile con cui abitualmente viviamo ed esercitiamo il nostro ruolo genitoriale può essere utile per poter eventualmente scegliere di uscire da alcuni modelli che possono non essere funzionali alla costruzione di una buona relazione e nella definizione dei propri obiettivi e valori, potendo rifletterci con consapevolezza.


Simbolismo dell’illustrazione a cura di Francesca Di Donato, psicologa.
Illustrazione di Mirella Farchica, illustratrice.

Il nido è la base sicura da cui tutto ha inizio, quel luogo dove sapere di poter tornare ogni volta che si ha voglia o bisogno di accoglienza, calore, contenimento, appartenenza. L’uovo schiuso è il giorno zero, momento esatto in cui ci si apre al mondo con la nascita.
L’uccello che spicca il volo è la persona che attraversa quella fase fondamentale di sperimentazione verso se stessa e verso l’ambiente esterno e che muove i primi tentativi di volo in direzione di ciò che nel tempo sceglierà di essere e verso il mondo che sceglierà di vivere. Le farfalle, simbolo di trasformazione, hanno anche lo scopo di sottolineare quando una buona crescita favorisce anche una sana integrazione con ciò che è diverso da sé.
La loro presenza sottolinea inoltre il diritto di un figlio di essere tutt’altro (un uccello) dai genitori (farfalle) che lo hanno messo al mondo.
Le foglioline intorno al nido indicano qual qualcosa che può crescere solo in presenza di sole e acqua come nutrimento, letto in chiave archetipica della buona integrazione tra maschile e femminile psichico necessario in ciascuno di noi.

 

12.Verso la triade. Paola Pellegrino

1 mese ago · · 0 comments

12.Verso la triade. Paola Pellegrino

Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.
Psicoeducazione e supporto alla genitorialità.


Nuova Rubrica a cura di Anderlini Sara, Pellegrino Paola, Virgilio Noemi, per Scuola di Psicologia di Francesca Di Donato.
Per seguirle sui canali social vai qui 1.Rubrica “Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.” Psicoeducazione e supporto alla genitorialità – Scuola di Psicologia

Verso la triade di Paola Pellegrino

La relazione tra mamma e bambino è una relazione che parte dal primo momento in cui la donna prende consapevolezza della gravidanza: un legame intimo che parte da dentro e che si caratterizza giorno dopo giorno in maniera unica per ognuno.

Il corpo della donna così come le sue percezioni, rappresentazioni e idee si modificano gradualmente per divenire giorno dopo giorno sempre più pronte ad accogliere la nuova vita con tutte le modificazioni che questo comporta.

È un cambiamento anche fisiologico di cui la donna fa esperienza diretta, è inevitabile.

Ma come è per i futuri papà?

Si, perché l’attesa riguarda anche loro, le loro emozioni e Stati d’animo, le loro idee.

La strada che porta a questo però è meno nitida e delineata rispetto a quella che gg per gg si delinea per la donna perché è meno diretta e necessita di essere via via costruita e sentita.

Per questo è importante che i papà siano coinvolti dal primo momento in quanto tali, per favorire la nascita e la crescita di un legame graduale e via via naturale anche per loro.

Anche attraverso l’esperienza di sentire il piccolo scalciare nel grembo materno, o partecipare alle ecografie così come essere coinvolti e partecipi dell’esperienza intima ed emotiva della donna e sintonizzarsi con la propria, permette ai papà si iniziare a familiarizzare concretamente con la presenza ancora non visibile del bambino e iniziare così ad affinare le sue rappresentazioni rispetto a questo: del bambino, del suo nuovo ruolo, del cambiamento di una parte della sua identità.

Così può nascere una nuova danza che si aggiunge alle precedenti e in cui muove i primi passi una triade in armonia e in sintonia

.

Simbolismo dell’illustrazione a cura di Francesca Di Donato, psicologa.
Illustrazione di Mirella Farchica, illustratrice.

Il nido è la base sicura da cui tutto ha inizio, quel luogo dove sapere di poter tornare ogni volta che si ha voglia o bisogno di accoglienza, calore, contenimento, appartenenza. L’uovo schiuso è il giorno zero, momento esatto in cui ci si apre al mondo con la nascita.
L’uccello che spicca il volo è la persona che attraversa quella fase fondamentale di sperimentazione verso se stessa e verso l’ambiente esterno e che muove i primi tentativi di volo in direzione di ciò che nel tempo sceglierà di essere e verso il mondo che sceglierà di vivere. Le farfalle, simbolo di trasformazione, hanno anche lo scopo di sottolineare quando una buona crescita favorisce anche una sana integrazione con ciò che è diverso da sé.
La loro presenza sottolinea inoltre il diritto di un figlio di essere tutt’altro (un uccello) dai genitori (farfalle) che lo hanno messo al mondo.
Le foglioline intorno al nido indicano qual qualcosa che può crescere solo in presenza di sole e acqua come nutrimento, letto in chiave archetipica della buona integrazione tra maschile e femminile psichico necessario in ciascuno di noi.

 

 

11.Ascolto e percezione corporea in gravidanza. Sara Anderlini

1 mese ago · · 0 comments

11.Ascolto e percezione corporea in gravidanza. Sara Anderlini

Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.
Psicoeducazione e supporto alla genitorialità.


Nuova Rubrica a cura di Anderlini Sara, Pellegrino Paola, Virgilio Noemi, per Scuola di Psicologia di Francesca Di Donato.
Per seguirle sui canali social vai qui 1.Rubrica “Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.” Psicoeducazione e supporto alla genitorialità – Scuola di Psicologia

Ascolto e percezione corporea in gravidanza di Sara Anderlini

La gravidanza è un periodo particolare per la donna che si trova ad entrare in relazione con un corpo in evoluzione. Un corpo che sta cambiando, che ospita una piccola creatura che si sviluppa, un corpo che si prepara al parto.

Ascoltare il corpo in gravidanza significa imparare a stare con le sensazioni nuove che il corpo genera, aumentando sempre di più la percezione e la consapevolezza. Questo è possibile grazie alle tecniche di rilassamento e visualizzazione che sono sempre molto utili, ma che rivestono una funzionalità rilevante durante la gravidanza per diversi motivi.

Il rilassamento permette di abbassare i livelli di stress per fare posto a una sensazione di benessere fisico e mentale. Attraverso di esso si può agevolare la formazione del legame emotivo tra la mamma e il feto (nel rilassamento singolo) o tra la mamma, il feto e il papà (nel rilassamento di coppia). La mamma entra in uno stato altamente percettivo che coinvolge anche il bimbo grazie al rallentamento delle funzioni corporee, facilitando così lo scambio di emozioni e sentimenti. Nella frenesia della vita che spesso conduciamo, può capitare infatti che si perda di vista il proprio corpo e che si faccia più difficoltà a percepirne i segnali. In gravidanza è importante ritagliarsi dei momenti in tranquillità in cui mettersi in ascolto di sé e del proprio bambino.

Il rilassamento profondo permette di conoscere il proprio corpo e come esso comunica, ascoltando ogni singola parte per essere più capaci di mettersi in ascolto di tutti i segnali durante il travaglio e il parto permettendo inoltre di gestire il dolore, migliorando così l’esperienza.

Ascoltare il proprio corpo e sentire come cambia e che cosa cambia, significa percepirsi al centro di un processo di evoluzione e cambiamento interiore profondo che può essere coltivato con cura verso sé stessi, verso l’altro e verso la nuova vita che sta per nascere.


Simbolismo dell’illustrazione a cura di Francesca Di Donato, psicologa.
Illustrazione di Mirella Farchica, illustratrice.

Il nido è la base sicura da cui tutto ha inizio, quel luogo dove sapere di poter tornare ogni volta che si ha voglia o bisogno di accoglienza, calore, contenimento, appartenenza. L’uovo schiuso è il giorno zero, momento esatto in cui ci si apre al mondo con la nascita.
L’uccello che spicca il volo è la persona che attraversa quella fase fondamentale di sperimentazione verso se stessa e verso l’ambiente esterno e che muove i primi tentativi di volo in direzione di ciò che nel tempo sceglierà di essere e verso il mondo che sceglierà di vivere. Le farfalle, simbolo di trasformazione, hanno anche lo scopo di sottolineare quando una buona crescita favorisce anche una sana integrazione con ciò che è diverso da sé.
La loro presenza sottolinea inoltre il diritto di un figlio di essere tutt’altro (un uccello) dai genitori (farfalle) che lo hanno messo al mondo.
Le foglioline intorno al nido indicano qual qualcosa che può crescere solo in presenza di sole e acqua come nutrimento, letto in chiave archetipica della buona integrazione tra maschile e femminile psichico necessario in ciascuno di noi.

 

10.Mi sfida, lo fa apposta: siamo sicuri? di Sara Anderlini

2 mesi ago · · 0 comments

10.Mi sfida, lo fa apposta: siamo sicuri? di Sara Anderlini

Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.
Psicoeducazione e supporto alla genitorialità.


Nuova Rubrica a cura di Anderlini Sara, Pellegrino Paola, Virgilio Noemi, per Scuola di Psicologia di Francesca Di Donato.
Per seguirle sui canali social vai qui 1.Rubrica “Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.” Psicoeducazione e supporto alla genitorialità – Scuola di Psicologia

Mi sfida, lo fa apposta: siamo sicuri? di Sara Anderlini

Molte volte tendiamo a leggere il comportamento del bambino come se ci stesse sfidando quindi come se mettesse in atto un comportamento con il fine di provocarci, scaturire in noi una reazione. In realtà è importante fare chiarezza rispetto a qual è il reale motivo dei comportamenti che nel genitore si traducono come sfida, per sentire anche cosa cambia in noi. Se la sensazione è che il mio bambino mi sta sfidando emergeranno tutta una serie di emozioni e pensieri che hanno come minimo comune denominatore la minaccia e la perdita dell’autorità, per cui tenderò a comportarmi in modo autoritario per tentare di ristabilire quell’autorità.

Il bambino in realtà non ha le competenze per “sfidare”, il cervello del bambino in termini di competenze cognitive ed emotive non è ancora sufficientemente sviluppato per poter sfidare o “fare apposta” qualcosa contro di noi.

Intorno ai 2 anni fino ai 5/6 i bambini attraversano fisiologicamente una fase in cui il loro bisogno principale è quello di definire la propria identità ed affermarsi come persone, attraverso il NO e attraverso la sperimentazione dei limiti.

Se io, quando il mio bambino si opporrà, urlerà, farà “capricci” (come siamo soliti chiamarli), mi predisporrò tenendo a mente che in quel momento è lui ad essere in difficoltà, che si sta comportando come un bambino con le poche competenze che ha e che sono io l’Adulto in grado di fornirgli aiuto per uscire dalla situazione di crisi, attraverso il sostegno emotivo e anche attraverso i limiti, potrò comportarmi in modo autorevole, abbassandomi al suo livello e stabilendo una connessione con lui che gli sarà di aiuto per sentirsi accolto, compreso e contenuto anche di fronte a situazioni “scomode” che presuppongono dei limiti e delle regole da tenere, ma lo farò mantenendo la calma avendo la consapevolezza che il bambino non sta agendo contro di me.

Essere consapevoli del funzionamento del bambino, di quali sono i comportamenti che ci attiva di più sono la chiave per poter educare il più possibile nella calma e nel rispetto.


Simbolismo dell’illustrazione a cura di Francesca Di Donato, psicologa.
Illustrazione di Mirella Farchica, illustratrice.

Il nido è la base sicura da cui tutto ha inizio, quel luogo dove sapere di poter tornare ogni volta che si ha voglia o bisogno di accoglienza, calore, contenimento, appartenenza. L’uovo schiuso è il giorno zero, momento esatto in cui ci si apre al mondo con la nascita.
L’uccello che spicca il volo è la persona che attraversa quella fase fondamentale di sperimentazione verso se stessa e verso l’ambiente esterno e che muove i primi tentativi di volo in direzione di ciò che nel tempo sceglierà di essere e verso il mondo che sceglierà di vivere. Le farfalle, simbolo di trasformazione, hanno anche lo scopo di sottolineare quando una buona crescita favorisce anche una sana integrazione con ciò che è diverso da sé.
La loro presenza sottolinea inoltre il diritto di un figlio di essere tutt’altro (un uccello) dai genitori (farfalle) che lo hanno messo al mondo.
Le foglioline intorno al nido indicano qual qualcosa che può crescere solo in presenza di sole e acqua come nutrimento, letto in chiave archetipica della buona integrazione tra maschile e femminile psichico necessario in ciascuno di noi.

 

9.La facilitazione del respiro in gravidanza. Paola Pellegrino

2 mesi ago · · 0 comments

9.La facilitazione del respiro in gravidanza. Paola Pellegrino

Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.
Psicoeducazione e supporto alla genitorialità.


Nuova Rubrica a cura di Anderlini Sara, Pellegrino Paola, Virgilio Noemi, per Scuola di Psicologia di Francesca Di Donato.
Per seguirle sui canali social vai qui 1.Rubrica “Genitori dalla nascita: dal giorno zero all’adolescenza.” Psicoeducazione e supporto alla genitorialità – Scuola di Psicologia

La facilitazione del respiro in gravidanza di Paola Pellegrino

La gravidanza è uno stato fisiologico molto particolare che potrebbe essere descritto e raccontato attraversando molteplici sfumature e dimensioni: alcune oggettive e oggettivabili, altre estremamente soggettive e personali.

Oggi proviamo a guardarla attraverso la dimensione dell’attesa, variabile necessariamente coinvolta anche volendo solo pensare all’arco di tempo necessario affinché il processo possa compiersi.

Il tempo passato ad attendere e in cui si vive il passaggio graduale ad una nuova fase di vita e alla creazione di nuovi ruoli può divenire un tempo fatto di consapevolezza, scandito dal Respiro.

La Respirazione praticata consapevolmente in gravidanza offre un sentiero di presenza a se stessi in cui gli elementi fondamentali diventano il benessere e l’ascolto attento al proprio corpo in un momento in cui esso accoglie, si trasforma e si prepara a generare.

Nel dettaglio essa torna utile per:

  • Favorire la distensione del corpo facilitandone l’ascolto, la percezione e la consapevolezza;
  • Diviene strumento capace di accompagnare momenti anche emotivamente difficili e/o intensi aiutando a lasciar andare, a lasciar fluire;
  • Favorisce un maggior contatto con le modificazioni corporee proprie della gravidanza e che coinvolgono anche i movimenti del bambino stesso;
  • genera un ambiente calmo e rilassato anche in pancia : il clima prenatale di cui fa esperienza il bambino viene memorizzato e riconosciuto come familiare anche dopo la nascita.

Dietro alla considerazione della donna come naturalmente in grado di partorire e generare altre vite, spesso si nasconde l’idea irrealistica che non occorre prepararsi in alcun modo nel vivere tale tappa di vita; tuttavia , seppure non è possibile prepararsi totalmente in termini di “previsioni certe/controllo/aspettative”, essere consapevoli degli strumenti interni ed esterni in grado di far fluire nella maniera più funzionale possibile un momento importante, è una strada percorribile e a sostegno della salute.


Simbolismo dell’illustrazione a cura di Francesca Di Donato, psicologa.
Illustrazione di Mirella Farchica, illustratrice.

Il nido è la base sicura da cui tutto ha inizio, quel luogo dove sapere di poter tornare ogni volta che si ha voglia o bisogno di accoglienza, calore, contenimento, appartenenza. L’uovo schiuso è il giorno zero, momento esatto in cui ci si apre al mondo con la nascita.
L’uccello che spicca il volo è la persona che attraversa quella fase fondamentale di sperimentazione verso se stessa e verso l’ambiente esterno e che muove i primi tentativi di volo in direzione di ciò che nel tempo sceglierà di essere e verso il mondo che sceglierà di vivere. Le farfalle, simbolo di trasformazione, hanno anche lo scopo di sottolineare quando una buona crescita favorisce anche una sana integrazione con ciò che è diverso da sé.
La loro presenza sottolinea inoltre il diritto di un figlio di essere tutt’altro (un uccello) dai genitori (farfalle) che lo hanno messo al mondo.
Le foglioline intorno al nido indicano qual qualcosa che può crescere solo in presenza di sole e acqua come nutrimento, letto in chiave archetipica della buona integrazione tra maschile e femminile psichico necessario in ciascuno di noi.

 

error: Content is protected !!