fbpx

Fissa un appuntamento

L'Aquila colloqui in presenza e on line tramite Skype. Possibilità di colloqui a seduta singola.

Chiamami:
+39 328 28 38 399

Scrivimi una email:
didonato.francesca@live.it

2 anni ago · · 0 comments

Il figlio prescelto. Francesca Di Donato

Accade di essere il figlio prescelto.

Eppure prescelto non equivale a privilegiato.

Essere il prescelto porta in sé uno costo talvolta -o spesso- molto alto.

Un costo orientato a rivestire un ruolo che non compete, a riempire un vuoto, a soddisfare dei bisogni, delle aspettative non esplicitate eppure presenti, consistenti, persistenti e profondamente logoranti.

Può voler dire dover rispondere a una richiesta di aiuto più grande di sé.

Si potrebbe pensare sia il figlio che prende di più e, invece, è solo il figlio su cui si investe di più affinché assolva a quel ruolo non richiesto.

Essere il prescelto può comportare la profonda angoscia di chi, nel volersi sottrarre, deve confrontarsi con la suprema colpa del tradimento, del torto inferto all’altro, per il solo fatto di non voler assolvere a questa funzione. La stessa funzione per cui si scopre di essere nato.

Essere il prescelto e non volerlo essere vuol dire, dunque, rompere un patto, un sacro accordo, firmato a propria insaputa, con chi gli ha dato la vita.

È il dramma dell’essere visti troppo, già prima di esistere, e per le cose sbagliate.

____________________________
Francesca Di Donato – Psicologa
Psicologia clinica, dinamica e della salute – percorsi individuali, di coppia e in gruppo: in presenza e online
Formatore e Supervisore: in presenza e online – SCUOLA DI PSICOLOGIA lo psicologo è colui che aiuta l’altro a curarsi

2 anni ago · · 0 comments

Genitori di se stessi. Francesca Di Donato

Esiste un momento della nostra vita in cui dobbiamo diventare noi, per noi stessi, quei genitori che avremmo avuto bisogno di avere.

È triste, spesso perfino doloroso eppure è ciò che va fatto.
Purtroppo “casa” per molti è quel posto che, fin troppo spesso, ricorda perché è meglio a distanza e a piccole dosi

Francesca Di Donato – Psicologa

4 anni ago · · 0 comments

è possibile poter seguire madre e figlia in percorsi differenti? Da non fare?

è possibile? Si.
Da non fare? Dipende da più fattori:
– dal modello teorico di riferimento
– dalla capacità del professionista di saper gestire le informazioni in termini di privacy e memoria (chi mi ha detto cosa) che riceve in seduta
– dalla capacità del professionista di saper gestire i confini
– dai temi personali, familiari, esistenziali… che uno dei due pazienti o entrambi portano

Cosa ne penso?
Penso che
– bisogna sempre verificare come se la vivrebbe/vivrebbero,
– la priorità nel valutare/considerare/assecondare questa possibilità deve essere il benessere dei pazienti.

_______________________
Francesca Di Donato – Psicologa
Psicologia clinica, dinamica e della salute – percorsi individuali, di coppia e in gruppo: in presenza e online
Formatore e Supervisore: in presenza e online

error: Content is protected !!